Mar16

BANDO: Al limite sul teatro imprevisto

Author // Silvia Basso Categories // Events, Open call Mercoledì, 16 Marzo 2011

BANDO: Al limite sul teatro imprevisto

Il S.a.L.E ( potete trovare info nell'archivio di BRANCHIE cliccando qui) apre il bando AL LIMITE sul teatro imprevisto, per partecipare al Festival delle arti sceniche e contemporanee a Venezia.


Si tratta della prima edizione del Festival che dedica l'attenzione ad attori, danzatori e performer attivi nell'ambito delle arti contemporanee.

Per partecipare è necessario che le performance abbiano la durata massima di 30 minuti e che siano attinenti al tema proposto.

Inviate i vostri materiali entro il 10 aprile 2011 all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il bando completo:

IL FESTIVAL
Questa prima edizione del festival si terrà a maggio 2011 all'interno del S.a.L.E. (www.saledocks.org).
Il S.a.L.E. è uno spazio autogestito, nasce come laboratorio di produzione contemporanea con un focus particolare sulle arti visive, ma non solo. Il S.a.L.E. intende l'arte quale produzione comune, contro i processi di gentrificazione e la precarietà del lavoro culturale.

Il festival nasce come giornate delle arti sceniche contemporanee e sviluppa la sua ricerca indagando il rapporto che intercorre fra teatro e la dimensione urbana-metropolitana. Un tema nato dalla presa di coscienza della forte relazione fra l'organizzazione degli spazi urbani e la produzione teatrale, ma anche dai sempre maggiori significati che assumono concetti come il confine, il margine, lo scarto, il residuo, le aree virus.

L'immaginario urbano ha un rapporto molto forte con i destini della contemporaneità, i soggetti che vivono all'interno della città vivono anche dentro un paradosso in cui la presenza del potere invita a fuggire, la sicurezza incita ad una vita rischiosa, il comfort porta al nomadismo e l'ordine urbano stimola l'indeterminazione del terrain vague.

La metropoli è il luogo della produzione di cultura, officina di lavoro delle arti, laboratorio di sperimentazione, generatrice di saperi. Compiere un'indagine sulle arti sceniche contemporanee che indirizzano la propria ricerca sul loro rapporto con lo spazio e con la metropoli significa compiere un indagine sull'immaginario di un'epoca che nella trasformazione delle città vede la trasformazione della propria vita sociale e artistica.

A CHI E' RIVOLTO IL BANDO
Sin da questa prima edizione il Festival vuole dedicare un'attenzione particolare a compagnie, attori, danzatori e performer che operano nell'ambito delle arti contemporanee indipendenti e che abbiano voglia di partecipare sperimentandosi con il tema proposto e lo spazio di S.a.l.e. Docks, adattando una loro creazione all'occasione o creandone una ex novo.
La durata massima delle performance dovrà essere di 30 min.

CRITERI DI SELEZIONE
– pertinenza al tema del festival (rapporto teatro-metropoli)
– coerenza con il percorso già avviato da S.a.L.E Docks:
ricerca e contenuti critici sulla contemporaneità, nuove forme di linguaggio e di sperimentazione, contaminazione tra arte visiva, danza, teatro e musica
– attinenza allo spazio fisico di S.a.L.E docks
– ricerca in ambito della produzione di arti sceniche contemporanee indipendenti
– scheda tecnica

Tutto il materiale dovrà essere inviato via mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

S.igns.andL.yricE.mporium
Docks 265
Punta della Dogana
Venezia

About the Author

Silvia Basso

me2

Nata nel 1985 nella nebbiosa campagna friulana, trasferitasi poi per un periodo nella laguna veneziana, si è ora felicemente fermata a Firenze. 
Trascorre il suo tempo libero a leggere ed ascoltare musica seduta nei sediletti dei treni, oppure andando in scooter tra le colline.


  • Fruit
  • bolopaper
  • thetscontemporary
  • nerodiseppia